lunedì 30 gennaio 2017

Un Passaggio da Thomas Stearns Eliot




Da Thomas Stearns Eliot, l’inizio del primo "Coro dalla Rocca", nella traduzione di Roberto Sanesi:
"Si leva a volo l’Aquila alla sommità del Cielo;
Il Cacciatore coi cani segue il suo percorso.
O rivoluzione perpetua di Stelle configurate,
O ricorrenza perpetua di stagioni determinate,
O mondo di primavera e d’autunno, di nascita e di morte!
Il ciclo senza fine dell’idea e dell’azione,
L’invenzione infinita, l’esperimento infinito,
Portano conoscenza del moto, non dell’immobilità;
Conoscenza del linguaggio, ma non del silenzio;
Conoscenza delle parole, e ignoranza del Verbo.
Tutta la nostra conoscenza ci porta più vicini alla nostra ignoranza,
Tutta la nostra ignoranza ci porta più vicino alla morte.
Ma più vicino alla morte non più vicini a Dio.
Dov’è la Vita che abbiamo perduto vivendo?
Dov’è la saggezza che abbiamo perduto sapendo?
Dov’è la sapienza che abbiamo perduto nell’informazione?

I cicli del Cielo in venti secoli
Ci portano più lontani da Dio e più vicini alla Polvere.
Viaggiavo verso Londra, alla City che è preda del tempo,
Là dove il Fiume scorre con flutti stranieri.
Laggiù mi dissero: abbiamo troppe chiese.
E troppo poche osterie. Laggiù mi dissero:
Se ne vanno i parroci. Gli uomini non hanno bisogno della Chiesa
Nel luogo in cui lavorano, ma dove passano le domeniche.
In città non abbiamo bisogno di campane:
Che sveglino i sobborghi.
Camminai fino ai sobborghi, e là mi dissero:
sei giorni lavoriamo, il settimo giorno vogliamo andare in gita
Con l’automobile fino a Hindhead, o a Maidenhead.
Se il tempo è brutto restiamo a casa a leggere i giornali.
Nei distretti industriali mi dissero
Delle leggi economiche.
Nelle campagne ridenti sembrava
Vi fosse solo posto per i picnic.
E sembra che la Chiesa non sia desiderata
Nelle campagne, e nemmeno nei sobborghi; in città
Solo per importanti matrimoni."
(T.S. Eliot Cori da La Rocca ed. Rizzoli
traduzione Roberto Sanesi)

5 commenti:

  1. più fedele al significato originale

    Where is the wisdom that we have
    Lost in knowledge?
    Where is the knowledge we have
    Lost in information? »

    (IT)
    « Dov'è la saggezza che abbiamo
    perso in conoscenza?
    Dov'è la conoscenza che abbiamo
    perso in informazione?"

    RispondiElimina
  2. Tutta la mia ammirazione per quest'uomo...

    RispondiElimina
  3. ha scritto grandi cose. A dire il vero alcuni passaggi fanno proprio impressione, almeno per il mio immaginario e sentire. Ho l'opera omnia.

    per es. cfr. miei passati post

    http://esperidi.blogspot.it/2013/02/un-paio-di-versi-di-tseliot_13.html

    http://esperidi.blogspot.it/2010/01/lostinata-stagione-si-diffonde.html?showComment=1262962831810

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo. Da tornarci sopra...

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina